Acheter visite, escursioni, citypass...
nonglak - stock.adobe.com
© nonglak - stock.adobe.com

Vecchio Bordeaux

Tra il Cours de l'Intendance e la rue Peyronnet si trova quella che viene chiamata la vecchia Bordeaux. Si tratta in realtà di un gruppo di diversi quartieri, ex parrocchie di Saint-Pierre, Sainte-Colombe, Saint-Michel e Sainte-Croix. I suoi monumenti, le sue strade e la sua popolazione ne fanno un'entità separata, parte della più grande area protetta della Francia (150h).

UN INSIEME ARCHITETTONICO UNICO

L'azione decisiva degli Intendenti nel XVIII secolo ha permesso di aprire il quartiere alla Garonna e al suo porto.  Quando hanno demolito le mura medievali, hanno ripulito la Place de la Bourse, la rue Royale e la futura Place du Parlement. Questa trasformazione ha portato a dare a questo quartiere la sua ricchezza architettonica unica.

Nicolas Beaujon, il mercante più sfarzoso, nacque nel 1718 all'11 della rue Parlement Sainte-Catherine. Al 16 di rue Fernand-Philippart, (ex rue Royale) era la casa del mercante Castagnet (1760), con il suo balcone arrotondato costruito su un tronco, decorato con magnifiche opere in ferro. Al n. 9, rue des Faussets, si può ammirare una facciata decorata con un fregio di aquile che colpisce per la qualità della sua realizzazione. 

Alla confluenza tra rue du Cancéra e rue des Bahutiers, una nicchia del 1687 contiene una statua di San Pietro; lì è morta Flora Tristan, la prima figura del femminismo e nonna del pittore Gauguin. A pochi passi, al n. 19, sul sito di una fontana pubblica, c'è un bassorilievo de "La Samaritaine au puits", opera di uno scultore anonimo. 

Place du Parlement
©Nicolas Duffaure - Place du Parlement

SAINT-PIERRE, LA CULLA DI BORDEAUX

Dopo la rovina di Burdigala romana, gli abitanti si ritirarono in un castrum il cui centro fu occupato dall'attuale quartiere di Saint-Pierre. L'ingresso al porto interno si trovava sul sito dell'attuale Piazza San Pietro. Qui si rifugiavano le navi cariche di merci prima di ripartire per le varie province, mentre in questa zona prosperava il gran numero di mercanti affermati.

La prima chiesa fu costruita nell'alto medioevo sul fango del vecchio porto. I nomi delle strade evocano ancora oggi i mestieri di un tempo: rue des Argentiers (argentieri), rue des Bahutiers (commercianti di bauli), rue du Chai des Farines (magazzini di cereali). Nel XVI secolo vi si stabilirono famiglie borghesi e la Corte di Aydes fungeva da tribunale.

Nicolas Duffaure
©Nicolas Duffaure - Place Saint-Pierre

PORTE CAILHAU, UN VERO E PROPRIO INGRESSO ALLA CITTÀ

È bella, è alta, è magra come una donna giovane e bella. Nonostante la sua età (Pensate! Risale al 1494), la sua silhouette non è cambiata.

La Porte Cailhau commemora la vittoria di Carlo VIII a Fornovo. A modo suo, questo re di Francia vive ancora nella torre: la sua effigie adorna una nicchia in riva al fiume e un cartello informa i visitatori frettolosi di fare attenzione all'architrave, ricordando loro quanto pericolosa può essere una porta troppo bassa (morì battendo la testa contro l’architrave di una porta).


Ma cosa significa Cailhau? Chiunque abbia la risposta a questa domanda è sicuramente molto astuto... Ogni storico ha la sua versione: è un cognome? Una roccia? Un menhir? Beh, non importa. La Porta Cailhau, alta 35 metri, faceva parte delle mura della città. Nel 1864 vi trovarono uno scrittore pubblico e un pesatore di sale che vivevano lì come inquilini; furono poi sfrattati per la ristrutturazione della porta.
Dalle sue magnifiche strutture in quercia, un magnifico panorama permette di vedere il ponte più antico di Bordeaux: il ponte di pietra.

Una mostra allestita sui suoi piani presenta gli strumenti e i materiali utilizzati per costruire la città. Un montaggio audiovisivo basato su vecchi film ci immerge nel mondo degli scalpellini.

Nicolas Duffaure
©Nicolas Duffaure - Place du Palais et la Porte Cailhau

 

Scopri gli altri quartieri della città di Bordeaux

Tutti i quartieri